2 Messaggio penitenziale di San Michele arcangelo in Petralia del 18 agosto 2020


Sono Michele Generale e Arcangelo del , sono qui con voi per volere dell'Onnipotente. Prendi la croce e vieni da Palermo a Petralia a piedi come penitenza affinché sia forte nella fede e unita "l'Armata di Cristo" dell' Opera da me fondata e guidata così che posso servirmi anche di voi per riportare i valori cristiani nel mondo.

Io vi dico che i popoli delle terre occidentali una volta casti e cristiani sono diventati atei o assoggettati ad altre religioni professate da impostori, la via che conduce al Padre è solo quella del figlio, non ci sono altre vie. Il signore è molto adirato. I suoi figli hanno perso la fede a causa della ricchezza e della lussuria, soprattutto per l'arroganza dei capi che li comandano. Io vi dico che se non porranno fine a queste cose il signore li punirà, hanno dimenticato i vangeli di Cristo e le leggi di Dio, ed è per questo che io invito il discepolo che ho scelto a recarsi con la croce in segno di penitenza per tutti voi nella città dove i capi che comandano risiedono, per ammonirli, abolite le leggi che offendono Dio e scrivete una carta di valori cristiani per il popolo. Consacrate le terre d'Occidente al cuore Immacolato di Maria Addolorata. Tutti coloro che si opporranno al disegno di Dio saranno allontanati dal Signore e non troveranno pace in questo mondo e alla fine dei tempi io stesso li accompagnerò al fuoco eterno.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono partito stamattina da Palermo, insieme a mia moglie, mio zio e mia madre. Siamo arrivati a Petralia Sottana, in Chiesa, dove ho incontrato Enzo Barbarotta che abita a Petralia e Vera con suo mari

Siamo partiti stamattina con i polacchi e siamo andati a Cianciana in provincia di Agrigento. Arrivati nella Chiesa Madre del luogo, abbiamo incontrato Mariangela che ci ha raggiunto da Montevago ed i

Stamattina sono partito da Campofelice, insieme al Coordinatore nazionale dei gruppi di preghiera Francesi Jean-Christophe , Aldo e Agàta dell'ufficio traduzione, l'operatrice Marta e il regista Vince