Diario del 1 giugno 2022 di Salvatore Valenti

Io e don Marcello siamo partiti stamattina da Sandomierz con l'equipe per il tour in Polonia, formata da Vincent e Agàta, che traduce, e siamo andati a Kielce dove abbiamo visitato la casa editrice diocesana e incontrato i dirigenti, l'editore ed i sacerdoti impegnati come servizio nella casa editrice, molto interessati ai messaggi di San Michele Arcangelo.

Dopo una piacevole e profonda discussione abbiamo salutato e siamo andati in un bosco dove si trova il santuario della Santa Croce, qui abbiamo incontrato altre persone.

Dopo pranzo, siamo andati nella Chiesa intitolata al cuore Immacolato di Maria a Kielce. Dopo la messa, abbiamo tenuto la conferenza io e don Marcello, la Chiesa era strapiena di gente, c'era anche una TV locale che ha ripreso la conferenza che poi ha fatto qualche domanda a me e a don Marcello.

Dopo la conferenza, alcune persone hanno voluto la email per formare il gruppo di preghiera di San Michele Arcangelo in Petralia qui in Polonia.

Tanta gente interessata ai messaggi di San Michele Arcangelo in Petralia, sta acquistando il libro e ci invita a ritornare prossimamente.

Dopo siamo andati a cena e poi siamo partiti per Cracovia, di nuovo dai monaci Circestensi che ci hanno ospitato anche stanotte per dormire.

Sono ancora una volta testimone della potenza di San Michele Arcangelo che sta compiendo ciò che mi aveva annunciato.

Pace e coraggio

Salvatore Valenti

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono partito stamattina da Palermo, insieme a mia moglie, mio zio e mia madre. Siamo arrivati a Petralia Sottana, in Chiesa, dove ho incontrato Enzo Barbarotta che abita a Petralia e Vera con suo mari

Siamo partiti stamattina con i polacchi e siamo andati a Cianciana in provincia di Agrigento. Arrivati nella Chiesa Madre del luogo, abbiamo incontrato Mariangela che ci ha raggiunto da Montevago ed i

Stamattina sono partito da Campofelice, insieme al Coordinatore nazionale dei gruppi di preghiera Francesi Jean-Christophe , Aldo e Agàta dell'ufficio traduzione, l'operatrice Marta e il regista Vince